Le mie "grandi" passioni

Leggo di tutto, ma adoro i romanzi storici, i thriller, i gialli...naturalmente la passione ed il sentimento non devono mancare!
Sono curiosa di tutte le novità e mi piacerebbe poter discutere le mie impressioni con coloro che condividono i miei interessi.



mercoledì 14 dicembre 2011

Il post di Cristina BlackPearl in Romantic Suspense Italy.
La nostra iniziativa
Nel forum Romance, il forum dedicato ai romanzi rosa, un paio di mesi fa è nata una discussione sul perchè il romantic suspense non venisse pubblicato in Italia. La diatriba tra suspense “si” e suspense “no” è andata avanti: l’opinione più diffusa e’ sia colpa del mercato editoriale che, con un po’ di pigrizia, quasi come se avesse impostato il pilota automatico e si fosse assopito alla guida sta ancora cavalcando l’onda dell’urban fantasy a cui diede avvio il successo di Twilight.
Cos’e’ il Romantic Suspense ? E’ quel romanzo rosa tinto di giallo, o giallo tinto di rosa, un romance con un’iniezione di adrenalina, spesso con qualche spennellata di erotismo (altra “eresia” in un periodo in cui domina lo “young adult”), verso il quale gli editori non mostrano alcun interesse.
A gettare benzina sul fuoco del nostro dibattito è arrivata qualche settimana fa la voce che l’editore che aveva ripreso la pubblicazione di una serie molto amata di una delle autrici più rinomate in questo genere sul mercato anglosassone non intendesse proseguire nella pubblicazione. La serie è quella dei Troubleshooters, l’autrice Suzanne Brockmann, di cui in Italia sono usciti solo tre romanzi, e neanche nell’ordine giusto!
E’ seguito un lungo botta e risposta sul blog della casa editrice, mentre la voce su anobii e i forum dedicati ai libri si diffondeva, ma nonostante il numero crescente di voci che ponevano lo stesso quesito, la risposta finale (forse!) dell’editore è stata che per il momento non intendono pubblicare altri titoli perché, a quanto pare, le vendite non sono state all’altezza delle aspettative e per questo altre pubblicazioni sono state sospese. La delusione è stata cocente, pari all’incredulità di fronte all’ennesimo snobbare un’autrice che all’estero vende e piace (ci sarà un motivo?), di fronte all’ennesimo voltare le spalle a un genere che – pensiamo – non viene sufficientemente proposto, sufficientemente spinto, sufficientemente pubblicizzato.
Insieme a Monica e Susanna, abbiamo aperto la pagina “Pubblicate S. Brockmann” su Facebook, caricando un’immagine molto accattivante con le trame dei libri pubblicati in Italia….ma non solo!!! Abbimo scritto a tantissimi blog per chiedere di pubblicare il link della pagina, cercando di mettere in pratica la regola principale del marketing, utilizzando una rete di persone capaci di diffondere il verbo.
Abbiamo dato vita anche al Gruppo “Romantic Suspense Italy”, il primo gruppo italiano dedicato al rosa&giallo e di questo ne siamo orgogliose! Obiettivo del gruppo è far conoscere il romantic suspense, genere assente sul mercato perché lasciato in panchina dalle Case editrici. Secondo noi, e’ arrivato il momento di cambiare le cose… non siamo esperte di marketing ma sentiamo voci sul web, voci di persone stanche di vampiri e di romanzi che hanno per protagonisti degli adolescenti. L’urban fantasy stesso sta cercando il cambiamento. Dai vampiri ai demoni e quest’anno gli angeli, perché non si può dare ai lettori sempre la stessa minestra riscaldata. Perché non proporre anche un po’ di autrici e di titoli di un genere che tutto sommato con l’urban fantasy ha in comune la tensione romantica e la tensione della lotta del bene contro il male? L’impressione che abbiamo avuto, da quando abbiamo aperto la Pagina “Romantic Suspense”, è che questo genere sia veramente poco conosciuto in Italia, ma notiamo molta curiosità, e la voglia di leggere libri “di nuovi generi”.
Poco per volta stiamo pubblicando informazioni su autrici famose in America che hanno dedicato serie intere proprio al genere Romantic Suspence (chi immaginava che fossero così tante, oltre alla Brockmann, ad essere snobbate?), traducendo le trame con lo scopo di farle conoscere, di incuriosire. La speranza è che qualcuno, in futuro, passi dalla nostra pagina e si renda conto che questo genere, ancora così poco diffuso in Italia, potrebbe rivelarsi una buona fonte di “business” …. magari qualcuno abbastanza innovativo da voler proporre anche il suspense nel panorama editoriale. Procediamo per piccoli passi ma con obbiettivi a lungo termine e il motivo è sempre quello: proporre cose nuove e affascinanti con la speranza di poter entrare un giorno in libreria e trovare interi scaffali dedicati al suspense….Noi ce la stiamo mettendo tutta e speriamo di poter raccogliere, con il tempo, i risultati di questo lavoro che nasce dalla nostra passione per i libri!!!
CRISTINA, MONICA, SUSANNA.

Nessun commento: